#mapparoma, un blog sulle disuguaglianze di Roma.

#mapparoma9 – Offerta pubblica e privata nei quartieri: asili, cultura, negozi e piazze

La nona ‪#‎mapparoma‬ illustra la distribuzione nei quartieri di alcune tipologie di servizi o di opportunità di incontro che rappresentano la risposta ai fabbisogni espressi dai cittadini, sia in ambito pubblico e collettivo che in ambito privato.

Emerge come il centro e la periferia storica, proprio perché densi e intensivi, sono quartieri con forti relazioni interpersonali e numerose opportunità di partecipazione collettiva. Al contrario i residenti nelle periferie più lontane – sia quelle abitate dai ceti medio-alti che quelle più popolari – sono lontani dai grandi e piccoli attrattori culturali e poco forniti sia di servizi di base che di spazi pubblici e collettivi.

Continua a leggere su http://mapparoma.blogspot.it/

#mapparoma8 – La città che si espande e il boom dei prezzi immobiliari

L’ottava ‪#‎mapparoma‬ mostra il livello di edificazione del territorio comunale e la tendenza del mercato immobiliare nel periodo 2003-2010, durante l’ultima fase della bolla edilizia e prima della riduzione dei prezzi delle case a causa della crisi economica.

Analogamente alla densità della popolazione, la densità di edificazione diminuisce con l’aumento della distanza dal centro. Le zone urbanistiche periferiche hanno in genere indici di edificabilità molto bassi, eccezionfatta per una parte del settore est e lungo le direttrici per il mare. 

La variazione percentuale dei valori medi delle quotazioni immobiliari indica invece una tendenza generalizzata verso l’aumento dei prezzi di vendita delle abitazioni che raggiunge valori più elevati, oltre che in alcuni quartieri centrali e della periferia storica, nelle zone periferiche poco edificate, soprattutto nel quadrante sud.

Continua a leggere su http://mapparoma.blogspot.it

#mapparoma7 – Il centro si spopola, le periferie e l’hinterland crescono

La settima ‪#‎mapparoma‬ mostra la distribuzione della popolazione sul territorio romano. La densità della popolazione diminuisce con l’aumento della distanza dal centro, rispecchiando la struttura fortemente monocentrica del sistema urbano. La variazione percentuale della popolazione tra il 2001 e il 2011 indica invece la tendenza verso l’aumento della popolazione nei quartieri periferici, associata alla diminuzione della popolazione nei quartieri centrali. L’espulsione di parte della popolazione dalla città consolidata, oltre agli effetti sociali, ha forti ricadute per l’organizzazione spaziale e funzionale.

Continua a leggere su http://mapparoma.blogspot.it