#mapparoma26 – Elezioni europee 2019: il PD primo partito, ma la Lega vince nelle periferie

Le elezioni europee del 26 maggio hanno segnato in tutta Italia il grande successo della Lega, e anche Roma non ha fatto eccezione, dando al partito di Salvini percentuali persino superiori al 40% nei quartieri esterni al GRA. C’è stato quindi uno spostamento di voti dal M5S (e anche dal resto del centrodestra) verso la Lega, con una contemporanea ripresa del Partito Democratico senza tuttavia un riequilibrio del suo consenso tra fasce urbane centrali e periferiche. La geografia politica romana è in parte cambiata di nuovo rispetto alle elezioni precedenti, e come per le elezioni politiche e regionali del 2018 oltre alle mappe mostreremo anche altri grafici per approfondire l’analisi mettendo in luce le differenze tra fasce urbane. I votanti sono stati 1.125.858, per un’affluenza del 49%, un dato bassissimo e inferiore non solo al 2018 ma anche a tutte le elezioni europee precedenti: per la prima volta (a parte un paio di ballottaggi) meno della metà degli elettori romani si è recata ai seggi. Continua a leggere.